Sento già la perplessità di alcuni di voi che stanno per leggere l’articolo !!! 🙂
Ci sono molte persone che seguono il blog anche se non iscritte e che mia hanno scritto via mail chiedendomi di scrivere qualcosa di più tecnico o risposte ai loro quesiti rimasti in sospeso perchè non hanno trovato esauriente risposta durante i corsi frequentati.
Lo scopo del Blog della Kinesiologia è quello di divulgare quello che ho appreso in questi 13 anni di utilizzo della Kinesiologia e anche di condividere  i miei pensieri e le strategie operative frutto dell’esperienza e del problem solving in azione, davanti a difficoltà o variazioni in cui le normali correzioni non erano sufficienti a portare il risultato atteso sui clienti!
Il Blog  è uno strumento per informare chi non ne sa nulla delle enormi potenzialità di questo strumento rispetto al ripristino dei normali meccanismi di autoguarigione e di equilibrio dell’organismo, ma anche per ampliare e condividere idee con chi è un professionista, per poter accedere ad un livello ulteriore di consapevolezza e conoscenza.

Questa settimana mi sono arrivate domande circa l’Anima della persona e di come incide nei processi di riequilibrio.

 

L’argomento è talmente tanto vasto che in questo post, mi limito a dire che nella mente subconscia di ogni persona è presente sia la memoria attuale di questa vita, sia il ricordo delle vite passate.

Se dovessi avere problemi a credere nelle vite passate, ti rassereno e voglio che tu capisca che non stò affermando con certezza che esistano o non devi per forza credere questo!

Ciò che devi verificare o sperimentare è che nelle persone portate in trance ipnotica come per esempio con l‘Ipnosi Regressiva, emergono ricordi molto dettagliati di paesaggi, luogi e situazioni di vita appartenenti ad altri periodi storici.
Questo da solo non basta a poter dire che esistano, ma quello che a noi interessa è che anche se tutto ciò non fosse vero, ma la mente subconscia associa dei ricordi, delle immmagini, dei pensieri, alle vite passate e questi, hanno la capacità di determinare una condizione di squilibrio nella persona, allora a me non importa se esistano o meno, ciò che importa è liberare la persona dalla carica emozionale stressante di quei ricordi o quelle immagini!
Ricorda: la mente non fà distinzione tra qualcosa realmente vissuto o qualcosa vividamente immaginato! Questo è ciò che fà la differenza !

Per le tradizioni antiche che credevano nella reincarnazione, lo scopo della reincarnazione era apprendere quello che nelle vite precedenti non si era ancora appreso con il fine di migliorare e riconnettersi alla Sorgente Divina e poter terminare il proprio ciclo rimanendo per sempre nella Luce!
Non me ne vogliano i cultori della materia che necessiterebbe sicuramente di una trattazione più dettagliata, ma per lo scopo di questo articolo è sufficiente questa descrizione a grandi line.

Da questo possiamo dedurre che c’è un “progetto di vita”, di miglioramento, di apprendimento che è già presente in noi quando nasciamo ( e per dirla fino in fondo già dal momento in cui scegliamo di “tornare” in questo posto chiamato terra!).

Immagina questo progetto come la tappa finale che hai impostato nel tuo GPS interno: la parte creativa di te, la tua memoria subconscia, è a conoscenza che c’è questo tragitto, questa rotta da seguire, ma siccome siamo esseri umani e Dio ci ha fornito della SCELTA di utilizzare il libero arbitrio,  possiamo fermarci, fare soste, prendere scorciatoie o vie che allungano l’arrivo!
Perchè accade questo?
Perchè la nostra mente razionale, in comune accordo con il nostro Ego, smette di rimanere connessa alla rotta che il GPS interno gli segnala e decide di dimostrare che conosce la strada e che vuole arrivare a alle sue condizioni!
C’è un altro piccolo problema: quando siamo sconnessi dal GPS interno spesso non riconosciamo neanche più dove eravamo diretti, disperdendoci.

continua…..

!-- Facebook Pixel Code -->