Dopo aver scritto l’ultimo articolo, ho ricevuto delle domande di un lettore che mi ha chiesto di portare delle prove rispetto a quanto avevo scritto circa le vite passate e la regressione!
Ho scelto di non soddisfare la sua voglia di conoscenza (inserendo nelle risposte ulteriori dettagli), semplicemente perchè le persone con cui avevo lavorato e che si erano sottoposte a sessioni individuali di kinesiologia, non erano state messe a conoscenza che il materiale emerso durante l’incontro, poteva essere utilizzato per la descrizione e l’argomentazione di articoli consultabili sul web!

Capisco anche che qualcuno potrebbe dire che in fin dei conti evitando di mettere il nome e cognome e le altre generalità, poteva comunque essere fatto!
Tra i lettori di questo blog, così come degli altri nei quali scrivo (blog personale, blog di Omegacoach.it) ci sono anche alcuni dei miei clienti!

Ti farebbe piacere leggere la tua storia privata sul web senza che io ti abbia annunciato del possibile utilizzo dei dati emersi durante la nostra sessione privata e confidenziale ?

Sento cori di No provenire dalla tua mente subconscia !!!!! 🙂

Grazie a quei commenti di Alessandro (nell’ultimo articolo), ho riflettuto sulla necessità di mettere on line alcune descrizioni di sessioni che testimoniano il lavoro svolto su argomenti specifici.

Questa volta mi sono premunito chiedendo di firmare ai clienti una liberatoria  che mi permettesse di descrivere le loro sedute di kinesiologia  e di Kine4Coaching ( metodo in cui applico la Kinesiologia in sinergia con gli strumenti del Coaching ) seppur rispettando la privacy!

Qualche giorno fà entra in studio un imprenditore 40 enne il quale mi racconta che nonostante il suo impegno costante al miglioramento aziendale, non riesce ad incrementare il suo reddito personale.

Essendo una persona intelligente e molto aperta alle nuove soluzioni, da 2 anni usufruisce di consulenze aziendali che gli hanno permesso di aumentare il fatturato generato dall’azienda.

Nonostante il reddito aziendale sia aumentato, il reddito personale di questo imprenditore che chiameremo Giovanni, è rimasto invariato; ogni volta che le sue entrate economiche aumentano, và incontro anche ad un aumento delle spese impreviste, portandolo ad un utile netto,  che più o meno rimane della stessa cifra!

Alcuni potrebbero vedere in questo l’effetto della casualità o del destino o del fato!
Ma ti posso assicurare che il destino è plasmato dai tuoi pensieri e dalle tue azioni e nulla è casuale ma sempre sotto la legge di causa-effetto o Karma.

In questo caso Giovanni era vittima inconsapevole di un disallineamento tra ciò che voleva a livello consapevole e ciò che voleva a livello di mente non consapevole!

Questa condizione è chiamata anche autosabotaggio o incoerenza emozionale.

Prima di continuare per scoprire da dove derivava questa incongruenza emozionale di Giovanni sul voler aumentare il proprio utile netto, è bene sapere che nella nostra mente subconscia ci sono programmi emozionali, esattamente come il sistema operativo di un computer, su tutto quello che viviamo e che siamo in grado di raggiungere o di non raggiungere nella nostra vita.
Abbiamo il programma che ci dice qual’è il peso che a livello di mente non consapevole riteniamo adeguato o giusto per noi ( spesso le ragioni della mente cosciente sul concetto di “giusto” sono diverse da quelle della mente subconscia).

Abbiamo il programma che ci dice qual’è il nostro reddito che ci sentiamo meritevoli di guadagnare; le relazioni che ci sentiamo in grado di ottenere.
Per tutto c’è una programmazione e basta guardare la vita di una persona, vedere ciò che ottiene, ciò che raggiunge, vedere come affronta le proprie emozioni cper iniziare a capire quali programmi ha nella sua mente e quando essi si attivano!

Tratterò questo in un altro momento, per ora ci interessa conoscere per esigenze dell’articolo, per quale motivo Giovanni non era emozionalmente coerente nel passare da 70.000 a 100.000 euro di reddito personale netto all’anno.

Dopo le verifiche iniziali per accertarmi che Giovanni sia testabile e che non ci fosse nessuna forma di interferenza rispetto ai test kinesiologici che stavamo andando ad eseguire, valuto la sua disponibilità nell’essere testato e la volontà di superare la tematica in questione.

Controllo nuovamente la sua disponibilità a passare ad un reddito personale annuo maggiore di 70.000 euro e il test kinesiologico nega questa disponibilità.
Eseguiamo una ricerca e la sorpresa è che il principale impedimento risulta essere: i Lacci Karmici.

Ma cosa sono i Lacci Karmici?
Se sei interessato/a all’argomento te lo racconto nel prossimo articolo.